martedì 14 marzo 2017

DA PROSTITUTE USA E GETTA A SACERDOTESSE DELL’AMORE


Le emozioni superiori (la gioia, l’amore incondizionato, la compassione ecc..),  ovvero le emozioni connesse al cuore, hanno delle caratteristiche in comune  con l’orgasmo. Non mi riferisco qui però all’orgasmo puramente animale, quello da puro soddisfacimento istintuale. Deve necessariamente coinvolgere qualcosa in più.

L’orgasmo è l’unione con il divino, con l’assoluto…l’abbandono al puro amore.. Ricordate l’orgasmo di Santa Teresa?
Ciò accade quando la sessualità non è vissuta solo come un puro appagamento sessuale.
 Il sentirsi svuotati o spossati dopo il sesso è un sintomo di aver esaudito solo una pulsione.

lunedì 27 febbraio 2017

LA FONDAZIONE DI UNA SOCIETA FEMMINILE

 Marija Gimbutas, archeologa e linguista di fama internazionale, scoprì, da alcune sepolture della vecchia Europa, che erano le donne a svolgere i ruoli religiosi più prestigiosi in alcune antiche società dell’Europa.
Inoltre il fatto che le donne avessero ruoli importanti nella vita della vecchia Europa non significava che a essere oppressi fossero gli uomini. 
Un’altra autrice, Riane Eisler, parla infatti di gilania e società della partnership per trovare un’alternativa a due modelli societari unilaterali quali: patriarcato e matriarcato[1].
Da molte testimonianze archeologiche, artistiche e linguistiche si evince che nella preistoria prosperarono società più pacifiche di quelle attualmente conosciute.

domenica 19 febbraio 2017

PER UNA POLIS AL FEMMINILE


La donna è stata per secoli considerata senz’anima dalle religioni patriarcali, priva di potere e senza alcuna possibilità di esprimersi in politica, attraverso il voto, nel sociale, nella scienza, nella spiritualità.
Gradualmente da una condizione subalterna, grazie al movimento femminista, si sono ottenute importanti vittorie e nuove libertà.
Oggi, forti di queste acquisizioni, bisogna divenire più coscienti del proprio autentico sé femminile.

Nelle società in cui le donne sono poco consapevoli della loro autentica natura femminile, esse sono indotte a comportarsi e a pensare come un uomo o secondo l’idea stereotipata che la società ha della donna. Tuttavia sacrificare la propria essenza profonda, per conformarsi a norme e valori non propri, ha un prezzo molto alto: senso di colpa, disturbi emotivi e mentali, stress e disarmonia nel corpo e nei suoi cicli.

martedì 14 febbraio 2017

L' ADDOMESTICAMENTO FEMMINILE NEL REGNO DEL FALLO


Le società della dominanza, ovvero tutte le società in cui vigono valori prettamente maschili, si basano sull’assimilazione della virilità a predominio sessuale, sociale, politico ed economico e di femminilità a sudditanza in tutti i medesimi settori.
 Satiro che gioca con una Baccante,Gervex 1874.

Tutto ha inizio precocemente e già in tenera età, la socializzazione dei membri delle società della dominanza avviene sull’esaltazione del predominio, del machismo e della conquista (che sono caratteristiche diverse dai valori sani della mascolinità) e sullo svilimento della vulnerabilità, dei sentimenti e dell’empatia.

martedì 7 febbraio 2017

IL MATRIMONIO COSMICO

Ierogamia, dal greco hieros gamos “Matrimonio Sacro”, rappresenta un rito antico di sacra unione sessuale basato sul modello mutuale[1], tramandato attraverso il mito nel corso della storia.
Questa cerimonia sacra aveva origine nella preistoria. Il termine nozze sacre è stato utilizzato da Mellaart per parlare infatti delle culture legate all’antica Dea presso l’Anatolia nel Neolitico.

Il matrimonio sacro, nel suo significato autentico e arcaico, riconosceva nella donna l’elemento naturalmente divino. Attraverso il Matrimonio sacro, l’uomo e la donna diventavano dea e dio e propiziavano il risveglio della natura e l’allineamento con i cicli stagionali e cosmici.

lunedì 30 gennaio 2017

LE DIVINE VULVE



All’interno della società patriarcale, il ruolo della donna è ridotto a mero oggetto sessuale per il genere maschile. Le donne vengono quotidianamente stuprate, picchiate, la loro sessualità degradata e perfino uccise nei film snuff.

Anche le  allusioni sessuali presenti nei film, nelle trasmissioni televisive, nei libri non fanno altro che rinforzare un' idea deviata della donna. 
Il modo stesso in cui il sesso viene rappresentato appare spogliato di ogni erotismo e sensualità.
I film pornografici, di cui si ‘nutrono’ milioni di persone, anche in giovane età, sono legati più alla violenza e alla coercizione dominatrice del maschio che al reciproco scambiarsi piacere tra i sessi.
Il sentire e il piacere femminile non viene esaltato e ricercato; la sessualità femminile è vista in funzione solo del piacere e godimento maschile.
In siffatti contesti l’erotismo femminile appare sottomesso, degradato, non soddisfatto e misconosciuto. Le immagini, i film e tutta la pornografia attuale esprime disprezzo per il femminile e in alcuni casi vere e proprie forme di odio.

domenica 22 gennaio 2017

LA CONSACRAZIONE ALLA DEA E LA GLORIFICAZIONE DELLA SESSUALITA’



L'importanza della donna nella spiritualità è stata cancellata e distorta nelle società patriarcali. Attualmente le tre religioni che contano una più folta schiera di fedeli sono rette da un unico dio maschio[1].
Le società patriarcali hanno coinciso con la soppressione del sacro femminile. 
E’ doveroso parlare di discriminazione spirituale delle donne, dato che la spiritualità nella nostra cultura è istituzionalmente esclusivamente in mano al genere maschile.
Le donne, incredibilmente ancora tutt’oggi, non possono officiare i riti religiosi né sono dotate di alcuna autorità spirituale presso le religioni vigenti.

giovedì 5 gennaio 2017

AMORE E MISTICISMO

Il termine amore è comune sia alla letteratura mistica che alla letteratura romantica.
La letteratura dei mistici, come degli amanti, è considerata  erotica.
E’ un semplice caso che la parola passione venga usata sia per l’esperienza sessuale sia per l’esperienza mistica?

Lo stato mistico o estatico dona un senso di indescrivibile pace interiore, beatitudine, dà accesso a poteri taumaturgici e al senso di unità con dio. Uno dei mezzi per perseguire la trascendenza, oltre la danza, la meditazione, gli allucinogeni, è proprio l’estasi sessuale.

RIVENDICARE LA NATURA EROTICA FEMMINILE



Settembre 1973 - Movimento liberazione della donna
Le donne con la rivoluzione sessuale moderna (fine anni 60, inizio anni 70 del XX sec.) hanno iniziato a rivendicare la propria sessualità, il proprio diritto al piacere sessuale e questo è andato di pari passo con la rivendicazione del potere politico ed economico.

La repressione imposta dalla società patriarcale ai potenziali del femminile ha agito non soltanto a livello sociale e politico ma anche negli strati più profondi dell’inconscio, coinvolgendo la sfera della sessualità. 

La manifestazione più eclatante fu la fine del mito dell’orgasmo vaginale. Solamente con le ricerche congiunte di William Master e Virginia Johnson si stabilì clinicamente che la clitoride è la fonte principale dell’orgasmo femminile, scardinando il mito dell’orgasmo vaginale. Il dogma, secondo cui se le donne non provavano l’orgasmo durante l’amplesso  erano immature, se non decisamente anormali, era perfettamente in armonia con la vecchia visione del sesso incentrata sul maschio. 

Inoltre l'affermazione del piacere clitorideo sgancia la sessualità dai soli fini procreativi e la apre agli scenari del piacere fine a sè stesso.
Iniziare a liberarsi dalle convinzioni negative e limitanti fu per le donne una manna dal cielo. E lo fu anche per gli uomini, perché ciò facilitò uno scambio di piacere sessuale molto più prolungato, ricco, intenso e appassionato.

L’erotismo è quindi acquisizione di potere per le donne. Il potere di dare e ricevere piacere ed esaltare la vita in tutti gli aspetti. 
Il potere sessuale della donna è la chiave per la guarigione spirituale e sociale, per la creazione di un mondo in cui la bellezza e il mistero della sessualità femminile siano onorati, invece che connessi al peccato, alla degradazione o considerati una merce a uso degli uomini. 


Per non limitarsi a un mero concetto teorico, il Risveglio del Femminile deve portare benefici reali alla donna, nella sua vita e nelle sue relazioni. Deve offrire un rapporto migliore con il proprio corpo, con la propria sessualità, con il proprio ruolo sociale e il proprio potere personale. 

È necessario innanzitutto prendere consapevolezza dei blocchi che ogni donna ha ereditato storicamente (ad esempio il pesante retaggio delle religioni giudaico-cristiane) e lavorare in modo progressivo per il loro scioglimento. Fin dagli inizi della religione cattolica è stato promosso lo svilimento della femminilità e del piacere legato alla sessualità.




Solo prendendo consapevolezza dei blocchi culturali e di quelli personali sarà possibile accedere a tutti i tesori racchiusi dentro il mondo femminile e risvegliare la propria “Afrodite Interiore”.